www.resistenze.org - osservatorio - europa - politica e societÓ - 07-06-10 - n. 322

da Partito Comunista di Grecia http://inter.kke.gr/News/2010news/2010-06-04-buzek/
Traduzione dall'inglese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare
 
Visita di J. Buzek ad Atene: Intervento del KKE contro i provvedimenti anticomunisti in Polonia
 
Il 2 giugno, in occasione della visita in Grecia del Presidente del Parlamento europeo, J. Buzek, ospite ai lavori delle Commissioni del Parlamento greco, il KKE ha protestato per la campagna anticomunista in Polonia e negli altri paesi europei.
 
Durante l'incontro Giorgos Toussas, eurodeputato del KKE, ha denunciato la strage in mare aperto di Gaza da parte dell'esercito israeliano, la posizione della UE e la campagna anticomunista in Polonia dove dall'8 giugno entra in vigore una legge che vieta i simboli comunisti.
 
J. Buzek ha preferito non rispondere all'evidenza dei fatti presentati dal deputato del KKE dando prova della posizione provocatoria dei rappresentanti politici del capitale, quando si tratta di tutelare i suoi interessi.
 
Questa provocazione incontrerà la risposta del movimento comunista l'8 giugno, il giorno dell'azione congiunta dei Partiti Comunisti e Operai contro l'anticomunismo e il divieto dei simboli del comunismo in Polonia.
 
Nel seguito alcuni passaggi del discorso di Giorgos Toussas.
 
"Oggi, un numero crescente di lavoratori comprende il vero carattere della UE. I lavoratori si rendono conto che la UE è finalizzata unicamente alla salvaguardia e alla perpetuazione del sistema capitalistico e a garantire il profitto dei gruppi monopolistici.
 
Per questo motivo la UE, il Parlamento europeo e i partiti del capitale perseguono e conducono la campagna anticomunista, la criminalizzazione dell'ideologia comunista e le persecuzioni contro i partiti comunisti.
 
La storia dimostra che l'attività anticomunista della borghesia e dei rappresentanti politici del capitale in generale, costituisce una fase propedeutica e un presupposto necessario per scatenare barbare misure antipopolari, e assestare un colpo al movimento popolare e dei lavoratori.
 
Dopo i paesi baltici e l'Ungheria, un altro paese della UE, la Polonia, ha vietato l'uso dei simboli comunisti con una legge che entrerà in vigore l'8 giugno. Questo nuovo divieto anticomunista è pienamente in contrasto con le celebrazioni alle parole vuote sulla "democrazia" e la "libertà".
 
Il divieto dei simboli comunisti, la criminalizzazione dell'ideologia comunista e dell'azione dei partiti comunisti rivelano che i governi borghesi e i loro apparati hanno paura di un nuovo contrattacco da parte del movimento popolare e dei lavoratori.
 
Il KKE condanna queste persecuzioni ed esige l'immediata fine di tutte le persecuzioni anticomuniste e dei divieti in Polonia e negli altri stati membri della UE".
 
Dopo la seduta congiunta delle commissioni del Parlamento greco, Giorgos Toussas ha dichiarato: il messaggio del KKE dall'Acropoli "Popoli d'Europa sollevatevi!" ha eco per le strade di Lisbona, Madrid, Parigi e Bucarest. Domani risuonerà in tutta Europa. Il progresso storico è inarrestabile. Noi continueremo fiduciosi che la lotta di classe sia la forza trainante per l'abolizione dello sfruttamento dell'uomo sull'uomo e per l'edificazione del socialismo-comunismo.
 

Resistenze.org     
Sostieni una voce comunista. Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione o iscriviti al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support a communist voice. Support Resistenze.org.
Make a donation or join Centro di Cultura e Documentazione Popolare.