www.resistenze.org - osservatorio - europa - politica e societÓ - 05-04-22 - n. 824

Guerra in Ucraina: aumenta la militarizzazione nell'UE

Partito Comunista Rivoluzionario di Francia (PCRF) | pcrf-ic.fr
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

03/04/2022

Mentre le truppe russe in Ucraina realizzano lo scenario pianificato di avanzamento su tutti i fronti di guerra, non senza alcune difficoltà impreviste, gli stati capitalisti dell'UE mettono in scena un precipitoso risveglio militare. Affiora l'immagine della goffaggine strategica dei paesi dell'UE, specialmente i più potenti (Francia, Germania, Italia, Spagna), che hanno trascurato i loro eserciti per 75 anni in questa Unione Europea che, solo ieri, aveva promesso la pax capitalista in saecula saeculorum.

Gli editorialisti della stampa capitalista, i politici di destra e di sinistra, gli ex capi di stato maggiore o gli ufficiali di riserva sono invitati a parlare purché evochino i validi spauracchi che giustifichino l'aumento della militarizzazione negli stati dell'UE. Viene presa sul serio la minaccia nucleare immediata della Russia, c'è una crescente speculazione sull'uso di armi chimiche sul suolo ucraino e l'avanzata tecnologica della Russia, illustrata dall'uso di missili ipersonici che sono inarrestabili dai sistemi di difesa occidentali, sembra essere agghiacciante.

Sulla scia dell'invasione russa dell'Ucraina, la Germania ha annunciato il 27 febbraio che si conformerà alla richiesta ufficiale della NATO del 2014 perché i suoi membri aumentino le spese militari ad almeno il 2% del loro PIL annuale, mentre finora si era accontentata dell'1,3%. L'enorme cifra di 100 miliardi (il doppio del bilancio della difesa di 48 miliardi) è stata stanziata lo stesso giorno per modernizzare l'esercito.

In Francia, già il 17 febbraio, un rapporto parlamentare "Sulla preparazione all'alta intensità", preparato dal LREM, raccomanda un riorientamento strategico degli eserciti verso la guerra totale. L'aumento del budget militare oltre le previsioni della Legge di Programmazione Militare (LPM), l'aumento delle forze aeree e navali, la preparazione degli stock di munizioni, la previsione di massicce perdite civili, ecc. Dall'inizio di marzo, Emmanuel Macron ha ripreso questi argomenti per annunciare un forte aumento del bilancio dell'esercito. Se la LPM 2019-2025 prevedeva già un quasi raddoppio del bilancio militare, possiamo aspettarci una forte militarizzazione in Francia a breve e medio termine.

Tutto questo troverà l'ampio gradimento dei mercanti di morte Dassault, Nexter, SAFRAN, Thales, Airbus, ecc, mentre centinaia di miliardi di euro verranno sottratti ai lavoratori attraverso lo sfruttamento e le tasse.

L'esercito europeo è ancora rilevante?

Accanto a queste nuove dotazioni, si pone la questione strategica dell'integrazione degli eserciti imperialisti sul territorio dell'UE. Se la questione dell'esercito europeo è un leitmotiv estremamente comune nella politica europea francese degli ultimi anni, è chiaro che la Francia è stata isolata su questo fronte per anni. Il Corpo Europeo di Reazione Rapida o Eurocorpo, non legato all'UE ma composto da 5 membri permanenti (Germania, Belgio, Spagna, Francia, Lussemburgo), ha avuto molto più successo nel suo collegamento alla NATO, di cui fa parte come "forza di intervento rapido", che alla UE.

La Task Force imperialista europea Takuba, rinforzata con le truppe dell'operazione Barkhane dopo l'annuncio della chiusura di quest'ultima, è venduta come il laboratorio della "difesa" europea, mentre non è affatto guidata dall'UE, ma da 11 dei suoi membri (di cui la Germania non fa parte) e sotto comando francese. Dopo il fallimento militare e politico di Barkhane, che tuttavia è riuscito a seminare il panico e la morte tra il popolo maliano, e il "trasferimento" di Takuba in Niger, l'integrazione militare europea è giunta a un punto morto.

Lo SCAF, un progetto che ha riunito Francia, Germania e Spagna dal 2017 per sviluppare un sistema integrato di combattimento aereo entro il 2030, sta affrontando lunghi ritardi, difficili negoziati tra i monopoli per la distribuzione dei contratti ed è ulteriormente messo in discussione dall'annuncio nel marzo 2022 dell'acquisto da parte della Germania di 35 F-35 americani troppo costosi (soprattutto nella manutenzione). È vero che i Rafale non sono funzionali al trasporto di munizioni nucleari tattiche (B-61 Mod 12) che interessano la Germania nella sostituzione dei suoi Tornado e che lo SCAF è solo allo stadio di progetto, ma Olaf Scholz giura che lo SCAF "è una priorità assoluta" per l'Europa. E Dassault ha finalmente preso la decisione in marzo di iniziare la produzione dello SCAF senza l'approvazione finale tedesca. Come Airbus Helicopters, che non aspetta l'approvazione del gruppo per lanciare la modernizzazione degli elicotteri d'attacco Tiger e condivide un primo contratto di 4 miliardi con aziende spagnole. Oltre a queste iniziative militari imperialiste, nell'UE c'è l'iniziativa PESCO, che ha più a che fare con il coordinamento militare che con l'integrazione di eserciti e comandi, dove il ruolo è più tattico, per spedizioni "anti-terrorismo", che strategico.

In breve, le iniziative prese in termini di integrazione degli eserciti dell'UE sono impantanate nelle contraddizioni degli stati membri. Queste contraddizioni sono particolarmente visibili nelle differenze tra la posizione francese, che come prima potenza militare europea e unica potenza nucleare dell'UE potrebbe rivendicare un posto privilegiato in ipotetiche forze militari europee, e la posizione tedesca, orientata all'alleanza militare con gli Stati Uniti nel quadro della NATO, perché temporaneamente in ritardo rispetto alla leadership militare francese.

Le contraddizioni sono sempre il risultato della concorrenza e degli accordi tra monopoli. Basta guardare Thales (un monopolio francese) che ha vinto il mercato dell'optronica per i nuovi veicoli corazzati tedeschi, o Boeing e Airbus helicopters (con sede a Marignane) che forniranno gli elicotteri da trasporto pesante richiesti da Berlino.

NATO, il pompiere piromane

L'inadeguatezza di questi tentativi di un esercito europeo si è rivelata quando, di fronte alla dimostrazione militare russa in Ucraina, gli stati maggiori europei nel panico hanno rivolto la loro attenzione agli Stati Uniti, attraverso la NATO, come unica forza in grado di "dissuadere" nell'immediato futuro la potenza militare russa dall'andare oltre i confini dell'Ucraina nell'offensiva verso ovest, almeno nelle parole degli stati maggiori.

I dispiegamenti militari degli stati europei in occidente sono stati fatti nel quadro della NATO. È in questo quadro che la Francia ha inviato 550 truppe e la portaerei Charles de Gaulle in Romania e forze di terra e aria in Estonia, Norvegia e Polonia. La Spagna ha schierato truppe e aerei in Bulgaria e ha anche aumentato la sua presenza nel Mar Nero. L'Italia ha centinaia di truppe in Lituania e Romania.

Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO, ha annunciato che i paesi membri hanno messo 40.000 soldati agli ordini dell'alleanza imperialista, e ha ricordato che gli Stati Uniti hanno 100.000 soldati sul territorio europeo. Allo stesso modo, il Comando europeo della NATO è stato incaricato di pianificare un rafforzamento militare sul suo fianco orientale.

La NATO potrebbe accumulare abbastanza forze nella regione non solo per dissuadere la Russia dall'attraversare i confini dell'Ucraina, ma anche per prendere potenzialmente l'iniziativa e precipitarsi in una guerra su larga scala se trova l'opportunità e il vantaggio. Naturalmente, anche nel quadro della NATO, ogni paese fa la sua parte: non è irrilevante che la Francia abbia sede essenzialmente in Romania, dove la presenza dei monopoli francesi è forte (e le relazioni "francofone") con accesso al Mar Nero.

La guerra in Ucraina conferma anche lo spostamento degli Stati Uniti verso l'Indo-Pacifico (e la Cina): Biden per settimane aveva sostenuto di rifuggire dall'Ucraina, che non sarebbero intervenuti comunque per impedire "l'invasione imminente", mentre ora sta inviando 3.000 soldati americani ulteriori in Polonia. Gli Stati Uniti vogliono che l'Europa si "aggiusti da sola", ma nel quadro della NATO sotto la loro tutela!

La Cina non è ovviamente esente dalla questione ucraina. Alla fine di gennaio, un articolo di Le Figaro ricordava che tra la Cina e l'Ucraina nell'estate del 2021 era stato firmato un accordo bilaterale per investimenti in ferrovie, aeroporti e porti, così come in infrastrutture di telecomunicazioni in tutta l'Ucraina. La Cina è ora il più grande partner commerciale dell'Ucraina, davanti alla Russia, rappresentando il 14,4% delle sue importazioni e il 15,3% delle sue esportazioni. L'Ucraina ha anche deciso di ritirare il suo nome da una dichiarazione internazionale sulle "violazioni dei diritti umani" nello Xinjiang.

L'unione interimperialista dell'UE trova nella situazione ucraina un'opportunità per rafforzare il suo cartello. Una tappa è stata raggiunta nell'invio di aiuti al governo reazionario ucraino, in cui l'UE ha deciso per la prima volta un finanziamento congiunto di armi in due fasi, per un totale di un miliardo in attrezzature militari. Dopo l'emissione congiunta di 750 miliardi di euro di debito come parte del piano di recupero europeo (ma ancora con "vincitori e vinti"), questo è un passo avanti nella direzione di una UE come polo indipendente di intesa dei suoi stati imperialisti con obiettivi strategici. Allo stesso modo, l'accordo AUKUS tra Stati Uniti, Australia e Regno Unito per un'alleanza militare orientata al Pacifico segna un punto di rottura con l'UE.

I vari poli imperialisti nel mondo stanno mettendo le loro armi l'uno contro l'altro, e gli uomini e le donne che lavorano in tutti i paesi saranno la carne da cannone e le vittime civili della debacle incombente. Se è nell'interesse dei monopoli capitalisti e dei loro stati fare la guerra, è nell'interesse dei popoli opporsi ai loro piani e chiedere la pace attraverso la lotta. Non permettiamo loro il privilegio di decidere il nostro destino, combattiamo tutte le avventure imperialiste!

Le organizzazioni comuniste rivoluzionarie hanno una forte responsabilità nella lotta contro l'imperialismo e in Francia contro l'imperialismo francese. Il nostro partito ha fatto pubblicamente proposte concrete di azione al Movimento Comunista di Francia (MCF) più di un anno fa per ostacolare l'imperialismo francese (che si sta schierando in Africa e altrove), e proseguiamo nell'appello...

Sappiamo che la portaerei francese Charles de Gaulle (CDG) ha preso il comando della flotta NATO nel Mediterraneo per qualche tempo. Il PAME e il KKE hanno appena manifestato contro l'arrivo della CDG nel porto del Pireo. Dobbiamo concretamente fare di tutto per ostacolare i piani dell'imperialismo francese nei porti di Marsiglia o Tolone dove transitano le navi militari, o a Mont de Marsan, Annecy, Varces e Vaucluse, ecc, oggi basi di partenza delle truppe e degli aerei francesi per la frontiera dell'Ucraina.

Solo i comunisti marxisti-leninisti e i sindacati di classe guideranno la classe lavoratrice contro le guerre dei nostri imperialismi.

Soldi per la salute e l'istruzione, non per le armi!
Spesa per i bisogni popolari, non per le guerre!
No alla guerra imperialista dei monopoli capitalisti, sì alla pace fraterna e duratura tra i popoli e al socialismo-comunismo!



Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.