www.resistenze.org - osservatorio - europa - politica e societÓ - 14-11-22 - n. 847

Monumenti

Gustavo Carneiro | odiario.info
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

28/10/2022



Recentemente, in diversi Paesi del Nord Europa, i monumenti che commemorano la vittoria sul nazifascismo e il ruolo decisivo svolto dall'Unione Sovietica sono stati distrutti o rimossi dallo spazio pubblico. Altri, della stessa origine - e con un destino simile - inneggiano alla pace e all'amicizia tra i popoli. Non si tratta di un processo nuovo, ma di un processo che va avanti da più di 30 anni. Non si tratta solo di cancellare un volto fondamentale della storia. Si tratta anche di sostituirlo con l'anticomunismo più fanatico e, in molti casi, con la glorificazione del nazifascismo.

Recentemente, in diversi Paesi, i monumenti che commemorano la vittoria sul nazifascismo e il ruolo decisivo svolto dall'Unione Sovietica sono stati distrutti o rimossi dallo spazio pubblico. Altri, con la stessa origine - e un destino simile - che inneggiano alla pace e all'amicizia tra i popoli.

A Riga, capitale della Lettonia, è stato demolito l'obelisco di quasi 80 metri che segnalava la liberazione della città da parte dell'Armata Rossa, e il ricordo è stato evocato anche in un monumento distrutto a Brzeg, in Polonia. Nella terza città più grande dell'Estonia, Narva, è stata rimossa la replica del carro armato T34 che onorava i soldati sovietici caduti per liberare il territorio. Anche il Monumento alla pace nel mondo è stato rimosso dalle strade di Helsinki dove si trovava da oltre 30 anni. La stessa cosa è accaduta in altri Paesi e città e promette di non fermarsi qui.

La giustificazione addotta, comune a tutti questi casi, è semplice - e per nulla originale: con la guerra in Ucraina, è insostenibile mantenere monumenti che inneggiano alla "Russia". Ma un'argomentazione del genere non solo è falsa, ma nasconde molto più di quanto non riveli.

Di norma, la rimozione di tali monumenti non è iniziata a febbraio, ma decenni fa, inquadrando lo smantellamento delle conquiste del socialismo e aprendo la strada al capitalismo sfrenato, al nazionalismo e al fascismo. In Lettonia, la demonizzazione dell'eredità sovietica va di pari passo con la glorificazione della divisione locale delle Waffen SS, a cui viene reso omaggio pubblico ogni anno (circa 100.000 lettoni, tra cui 70.000 ebrei, sono morti in guerra).

Dalla Polonia provengono inversioni di rotta sui diritti delle donne, divieto di simboli e partiti comunisti, nazionalismo aggressivo e militarismo dilagante: brigate paramilitari di stampo razzista e fascista si uniscono alle forze armate e partecipano alle esercitazioni della NATO. È quanto sta accadendo in Ucraina, dove le leggi di decomunistizzazione promosse dal golpe del 2014 hanno facilitato la creazione di un autentico culto dello Stato che oggi è dedicato a Stepan Bandera, collaboratore del nazifascismo nel massacro di migliaia di sovietici (ucraini, russi, ebrei) e anche di polacchi.

La Finlandia ha appena scambiato la sua storica politica di neutralità con l'appartenenza a un blocco politico-militare aggressivo, con grandi responsabilità nella drammatica e potenzialmente esplosiva situazione dell'Europa orientale: il Monumento alla pace nel mondo si è così trasformato in un indigesto souvenir.

Cancellare dalla coscienza collettiva l'esperienza sovietica, il mosaico di popoli che le ha dato vita, il suo ruolo nella sconfitta del nazifascismo e nella conquista e nel mantenimento della pace, fa parte della strategia incendiaria dell'imperialismo per la regione - e per il mondo. Combatterla comporta anche la battaglia della memoria.

Fonte: avante.pt


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.