www.resistenze.org - osservatorio - mondo - politica e societÓ - 05-06-14 - n. 502

L'inganno del lavoro retribuito come chiave di liberazione delle donne

Intervista a Silvia Federici

Ana Requena Aguilar | eldiario.es
Traduzione da liadiperi.blogspot.it

26/05/2014

Silvia Federici (Italia , 1942) è una pensatrice e attivista femminista, un'intellettuale di riferimento per le sue analisi sul capitalismo, il lavoro retribuito e riproduttivo, sempre dalla prospettiva di genere. Docente all'Hofstra University di New York , Federici fu una delle promotrici delle campagne negli anni '70, che chiedevano il salario per il lavoro domestico.

"Il lavoro domestico non è un lavoro di amore, occorre de-naturalizzarlo". La scrittrice è in tour in Spagna, riempiendo librerie e sale di gente venuta ad ascoltarla. Il suo ultimo libro pubblicato in spagnolo è "Rivoluzione al punto zero. Lavori di casa, riproduzione e lotte femministe ", edito da Traficantes de Sueños.

- Questa crisi economica è anche crisi dell'uguaglianza?

Sì. E' crisi di uguaglianza e minaccia soprattutto le donne. Ci sono molte conseguenze delle crisi che colpiscono le donne, particolarmente intense. Da un lato, i tagli ai servizi pubblici, la sanità, l'istruzione, la cura, l'assistenza all'infanzia ... che porta nelle case tantissimo lavoro domestico, che continua a essere svolto in gran parte dalle donne. La maggior parte delle donne lavora fuori di casa, ma segue a incaricarsi di questo lavoro assorbendo anche quella parte di attività che una volta erano pubbliche. Dall'altro lato, la crisi dell'occupazione e del salario genera nuove tensioni tra uomini e donne. Il fatto che le donne abbiano più autonomia ha creato tensioni e un aumento della violenza maschile, visibile in ogni angolo del mondo.

- Attualmente a che punto siamo?

Siamo in un periodo in cui si sta sviluppando un nuovo tipo di patriarcato nel quale le donne non sono solo casalinghe, ma dentro del quale i valori e le strutture sociali tradizionali non sono cambiate. Per esempio, oggi molte donne lavorano fuori di casa, spesso in condizioni precarie, ma che è una piccola fonte di maggiore autonomia. Tuttavia, le condizioni di lavoro salariato non sono cambiate, ciò comporta l'adattamento a un regime che è stato costruito, pensato, in direzione del lavoro tradizionale maschile: gli orari di lavoro non sono flessibili, i centri di lavoro non hanno incluso luoghi per la cura, come gli asili nido e non si è pensato a forme in cui uomini e donne possano conciliare produzione e riproduzione. E' un nuovo patriarcato nel quale le donne devono essere due cose: contemporaneamente produttrici e ri-produttrici, una spirale che finisce col consumare tutta la vita delle donne.

- In pratica, Lei sostiene che si è identificata l'emancipazione delle donne con l'accesso al lavoro retribuito e ciò le appare come sbagliato. E' così?

E' un inganno di cui oggi ci rendiamo conto. L'idea che il lavoro retribuito potesse liberare le donne, non si è realizzata. Il femminismo degli anni '70 non poteva immaginare che le donne stavano entrando nel mondo lavorativo, nel momento in cui, questo stava diventando in un terreno di crisi. E comunque in generale, il lavoro retribuito non ha mai liberato nessuno. L'idea della liberazione è di raggiungere uguali opportunità con gli uomini, ma si è basata su un malinteso fondamentale del ruolo del lavoro salariato sotto il capitalismo. Allo stesso tempo, noi vediamo che molte donne hanno ottenuto più autonomia, attraverso il lavoro retribuito, ma attenzione, più autonomia rispetto agli uomini, non rispetto al capitale. E' qualcosa che ha permesso di vivere per conto proprio alle donne o di trovare lavoro, se il partner non l'aveva. In qualche modo questo ha cambiato le dinamiche nelle case, ma in generale non ha cambiato i rapporti tra uomini e donne. E, quel che è più importante, non ha cambiato i rapporti tra donne e capitalismo, perché ora le donne hanno due lavori e ancora meno tempo per lottare, partecipare a movimenti sociali e politici.

- Lei è anche molto critica con organismi internazionali come il Fondo Monetario , la Banca Mondiale o l'Onu. Alcuni di loro pubblicano rapporti incoraggiando la partecipazione femminile al mercato lavorativo, mentre al contempo, tagliano risorse che pregiudicano l'uguaglianza e la vita delle donne.

Sì, questo è fondamentale. E' sbagliato non vedere il tipo di pianificazione capitalistica che si è sviluppata dentro il progetto di globalizzazione. C'è stato un massiccio intervento nelle agende e nelle politiche femministe con l'obiettivo di usare il femminismo per promuovere il neo-liberismo e per contrastare il potenziale sovversivo che aveva il movimento delle donne in termini, per esempio, di lotta contro la divisione sessuale del lavoro e contro tutti i meccanismi di sfruttamento. Da un lato, il lavoro delle Nazioni Unite è stato quello di ridefinire l'agenda femminista e ciò è stato molto efficace. Attraverso diverse conferenze mondiali, ha presentato se stessa come la portavoce delle donne nel mondo e ciò che è o non è femminismo. Dall'altro lato, il suo obiettivo era di "educare" i governi del mondo, per far cambiare qualcosa nella legislazione del lavoro, per permettere l'ingresso delle donne al lavoro salariato.

- Come uscire allora, da questa trappola? Perché, ad esempio, lei è contraria all'entrata delle donne negli Eserciti?

No alle donne nell'Esercito in qualsiasi modo. Bisogna tenere conto che anche gli uomini sono sfruttati. Perciò, se ci limitiamo a dire semplicemente che vogliamo l'uguaglianza con gli uomini, stiamo dicendo allora che vogliamo avere lo stesso sfruttamento che hanno gli uomini. La parità è un termine che blocca il femminismo : ovviamente in senso generale non possiamo essere contro l'uguaglianza , però in un altro senso dire solamente che lottiamo per l'uguaglianza è dire che vogliamo lo sfruttamento capitalista che subiscono gli uomini. Io penso che possiamo fare meglio di questo, perché dobbiamo aspirare a trasformare l'intero modello, perché anche gli uomini non hanno una situazione ideale, anche gli uomini devono liberarsi. Perché oggetti di un processo di sfruttamento. Perciò, no alle donne nell'esercito, perché no alla guerra, no alla partecipazione a qualsiasi organizzazione che ci impegna a uccidere altre donne, altri uomini , in altri paesi con lo scopo di controllare le risorse del mondo. La lotta femminista dovrebbe dire in questo senso, che gli uomini dovrebbero essere uguali alle donne , che non ci siano uomini negli eserciti, cioè, no agli eserciti e no alle guerre.

- E come uscire dalla trappola del lavoro retribuito?

Questo è diverso, perché in molti casi il lavoro retribuito è l'unico modo in cui possiamo essere autonome e non siamo nelle condizioni di poter dire di no al lavoro. La questione è di considerare il lavoro come una strategia di autonomia , non come grande strategia per liberarci. Per esempio, negli Stati Uniti il problema del lavoro riproduttivo non è preso in considerazione e anche quando le donne lottano per liberarsi dal carico del lavoro di cura, ciò è inteso come un modo per dedicare più tempo al lavoro fuori di casa. Il capitalismo svaluta la riproduzione e ciò significa che svaluta le nostre vite per continuare a svalutare la produzione dei lavoratori. E' una questione fondamentale che non viene presa in considerazione. Non si tratta, quindi, di dire di no al lavoro retribuito, ma di dire che il lavoro retribuito non è la formula magica per liberare le donne. Le donne non sono fuori dalla classe lavoratrice, la lotta femminista deve essere pienamente integrata con la lotta del lavoro.

- Quali lotte, quindi, bisogna adottare per ottenere questa liberazione?

Il lavoro che la maggior parte delle donne fanno nel mondo, che è il lavoro riproduttivo e domestico, è ignorato. Questo lavoro, però è la base del capitalismo, perché è la forma, con la quale si riproducono i lavoratori. Il lavoro di cura non è un lavoro di amore: è un lavoro di produzione di lavoratori per il capitale ed è un tema centrale. Se non c'è riproduzione, non c'è produzione. Il lavoro che fanno le donne in casa è l'inizio di tutto: se le donne si fermano, tutto si ferma; se il lavoro domestico si ferma, tutto il resto si ferma. Per questo il capitalismo per sopravvivere deve costantemente svalutare questo lavoro. Perché questo lavoro non è pagato se conserva le nostre vite? La prospettiva dalla quale provengo ha visto che se il capitalismo dovesse pagare per questo lavoro, non potrebbe continuare ad accumulare i beni. Se non ci occupiamo di questo problema, non produrremo nessun cambiamento a nessun livello.

- Lei difende il salario per il lavoro domestico?

Sì. Molte femministe ci accusano di istituzionalizzare le donne in casa, perché lo intendono come un modo di bloccare le donne dentro la casa, ma è il contrario, è il modo in cui possiamo liberarci . Perché se questo lavoro è considerato tale, anche gli uomini potranno farlo. Lo stipendio sarebbe per il lavoro, non per le donne.

- Sì , ma ancora oggi sono per lo più donne che fanno questo lavoro, questa è ancora la tendenza, anche se ci sono stati cambiamenti, che cosa farà cambiare questa inerzia ?

La tendenza è questa perché la mancanza del salario ha naturalizzato lo sfruttamento. V'immaginate se gli uomini facessero un lavoro industriale gratuito per due anni, perché è considerato un lavoro proprio degli uomini ? Sarebbe totalmente naturalizzato così come il lavoro domestico, che è legato alla femminilità e al fatto che è considerato un lavoro delle donne. In una società conformata per le relazioni monetarie, la mancanza di stipendio ha trasformato una forma di sfruttamento in attività naturale, perciò diciamo che è importante denaturalizzarla.

- Ed è il salario è il modo?

Sì, perché è il primo passo da fare. Non dobbiamo, però, guardare il salario come un fine, ma come un mezzo, uno strumento per iniziare la rivendicazione. Chiedere un salario ha già il potere di rivelare un'intera area di sfruttamento, di portare alla luce che questo è un lavoro vero e proprio,che è essenziale al capitalismo, il quale ha accumulato ricchezza attraverso di esso.

- Non si corre il rischio di perpetuare la divisione sessuale del lavoro?

Al contrario è un modo per abbatterla. Si può dimostrare che la divisione sessuale del lavoro è costruita sulla differenza tra salario - non salario.

- Tuttavia, in molti paesi come la Spagna, il lavoro domestico è già riconosciuto come tale (non con tutti i diritti) ma ancora il lavoro continua a essere nella maggior parte femminile , cioè, nonostante sia remunerato, non ha fatto sì che gli uomini s'integrassero in quest'occupazione. Perché pensa allora che pagare per i lavori in casa gli uomini s'inserirebbero in questo settore?

In una situazione in cui il lavoro domestico non è riconosciuto come lavoro e milioni di donne lo fanno gratis in tutto il mondo, le donne che lo fanno per denaro si trovano in una posizione debole , incapace di negoziare condizioni migliori. Io mi auguro che si costruisca un nuovo movimento femminista di donne che fanno lavoro domestico pagato a quelle che lo fanno senza essere pagate. Iniziare una lotta su ciò che è questo lavoro, esigere nuove risorse al servizio di questo lavoro e proporre nuove forme di organizzazione.

Questo lavoro è possibile separando le une dalle altre e manca, l'unione, nuove forme di collaborazione che ci permettano di unire le nostre forze per contrastare questa svalutazione del lavoro domestico. La connessione tra donne e il lavoro domestico è molto forte e non sarà facile, ma credo che si potranno ottenere delle cose. La rivendicazione del salario per il lavoro domestico è stata molto liberatoria perché tante donne hanno potuto comprendere così che ciò che facevano era lavoro, sfruttamento e non qualcosa di naturale.


Resistenze.org     
Sostieni una voce comunista. Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione o iscriviti al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support a communist voice. Support Resistenze.org.
Make a donation or join Centro di Cultura e Documentazione Popolare.