www.resistenze.org - osservatorio - mondo - politica e societÓ - 11-10-22 - n. 843

Migliaia di persone si riuniscono in catena umana intorno al Parlamento contro l'estradizione di Julian Assange

Ceren Sagir | morningstaronline.co.uk
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

09/10/2022

Migliaia di attivisti si sono uniti ai parlamentari nel fine settimana per formare una catena umana intorno al Parlamento e protestare contro l'estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange. Sabato una catena di manifestanti si è snodata lungo Westminster Bridge, lungo South Bank e di nuovo intorno al ponte di Lambeth, circondando completamente le Camere del Parlamento.

Il deputato di Islington North Jeremy Corbyn ha unito le braccia con la collega Claudia Webbe e l'ex leader di Unite Len McCluskey nella catena. Ha dichiarato: "Vorrei dire ai parlamentari - di qualsiasi partito - che siete lì per rappresentare la democrazia e i diritti. È per questo che vi siete candidati. Se Julian Assange viene estradato, gli altri giornalisti avranno paura di fare qualsiasi cosa per rivelare la verità. Diventa un'autocensura per i giornalisti di tutto il mondo".

John Rees, organizzatore della campagna e dell'evento, ha dichiarato allo Star: "Ciò che questo evento dice al Parlamento e ai tribunali è che la gente non crede a questa storia. Non credono che un giornalista debba passare il suo quarto anno a Belmarsh, non credono che ci debba essere questo tipo di attacco alla libertà di stampa, vogliono che l'estradizione sia bloccata e vogliono che Julian Assange sia liberato".

Rees ha invitato i parlamentari a "intervenire sul caso" del nuovo governo e del Ministro degli Interni. Ha detto: "Suella Braverman non è esattamente stabile nella sua carica. In realtà, l'intero governo non è stabile nel suo mandato. Le persone che stanno facendo questo a Julian Assange sono politicamente molto deboli, sono vulnerabili alle pressioni politiche e spetta ai parlamentari fare la loro parte per rendere tali pressioni efficaci. Noi abbiamo fatto la nostra parte. Migliaia e migliaia di persone hanno manifestato oggi - i parlamentari dovrebbero fare lo stesso".

L'ex cancelliere ombra e membro fondatore del gruppo parlamentare NUJ John McDonnell ha dichiarato: "Abbiamo qui un giornalista che ha raccontato alcuni dei peggiori crimini di guerra che abbiamo visto nella storia recente. E come risultato, è stato imprigionato e ora rischia l'estradizione". McDonnell, che ha visitato Assange in prigione, ha detto di temere che la sua vita sia in pericolo. Ha dichiarato: "Siamo in Mobilitazione, non solo per Julian Assange, ma per i giornalisti di tutto il mondo che hanno il diritto di riferire liberamente e di scrivere la verità. Se non garantiamo la libertà di Julian Assange, nessun giornalista è al sicuro da questo tipo di minaccia politica".


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.