www.resistenze.org - osservatorio - mondo - politica e societÓ - 27-06-23 - n. 871

Díaz-Canel: "È stato un tour interessante e fruttuoso"

René Tamayo León, Yaima Puig Meneses | granma.cu
Traduzione da italiacuba.it

25/06/2023

Partecipare al Vertice per un Nuovo Patto Finanziario Globale (Parigi 22-23/06/2023) "è stato interessante"; ci ha dato "una visione di dove si sta muovendo il mondo" e "anche delle trappole che esistono intorno alle questioni del finanziamento globale".

Il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha condiviso questo e molti altri criteri con i membri delle missioni diplomatiche cubane presso la Repubblica Francese e l'Unesco.

Questa, l'ultima attività della delegazione ufficiale delle Antille a Parigi prima del rientro in patria, venerdì sera (ora locale), si è trasformata in un caloroso incontro tra cubani, in cui Díaz-Canel ha riassunto il lavoro svolto durante la settimana da lui e da coloro che lo accompagnavano, tra cui il membro dell'Ufficio Politico e Ministro degli Esteri, Bruno Rodríguez Parrilla.

Questo Vertice, ha spiegato il Capo dello Stato, è stato il motivo per cui è stato organizzato il tour in Europa in queste date.

Il tour ha compreso il Vaticano, dove ha avuto uno scambio privato con Papa Francesco; l'Italia, dove è stato ricevuto dal Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, e ha avuto un dialogo presso la sede della FAO a Roma con il Segretario generale dell'organizzazione, QU Dongyu; e la Serbia, dove si è recato in visita ufficiale ed è stato accolto calorosamente dalla popolazione e dal Presidente Aleksandar Vucic, nonché dal leader dell'assemblea legislativa, Vladimir Orlic.

"Questo è stato davvero un tour interessante e fruttuoso per il Paese", ha riassunto Díaz-Canel ai diplomatici cubani accreditati a Parigi.

Con il Papa e in Italia, rispetto per Cuba

Noi", ha commentato il Presidente, "abbiamo avuto una visita in sospeso con il Papa, e quando ci siamo incontrati questa settimana è stato molto gentile con la parte cubana. Ci ha detto: "Sapete cosa penso del popolo cubano".

Díaz-Canel ha spiegato che la parte cubana ha parlato con il Sommo Pontefice della situazione del Paese e della necessità di darne una visione aggiornata, visto l'intensificarsi del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti, nonché l'inserimento dell'isola nella lista spuria dei Paesi che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo.

La visita alla Santa Sede è stato l'obiettivo che ci ha portato prima in Italia", ha detto, "ma poi abbiamo avuto un incontro bilaterale con il Presidente italiano, Sergio Mattarella". Questo, ha aggiunto, "è stato un buon incontro, c'è stato molto accordo su una serie di questioni, soprattutto sulla collaborazione, sul livello delle relazioni tra i nostri Paesi".

Il capo di Stato cubano ha anche commentato la sua visita alla Fao, un'organizzazione con la quale abbiamo sempre avuto un buon rapporto, ha detto. "La Fao ci sostiene con finanziamenti per un gruppo di progetti nell'ambito del Programma di sovranità alimentare ed educazione nutrizionale".

Lo scambio a Roma con una rappresentanza di imprenditori italiani che hanno investimenti a Cuba è stato descritto dal Capo di Stato come un "incontro intenso".

Gli investitori italiani a Cuba, ha sottolineato, mantengono un approccio molto positivo. Nonostante le difficoltà, come i debiti contratti con loro, il loro approccio è quello di continuare ad andare avanti, di continuare a proporre affari.

Ha commentato una caratteristica molto particolare della comunità imprenditoriale italiana che intrattiene rapporti con Cuba: le figlie e i figli di coloro che hanno avviato imprese sull'isola decenni fa, la generazione che li ha seguiti, hanno mantenuto queste imprese e vogliono svilupparle.

"A livello generazionale, questo è stato mantenuto, questo è stato tramandato, e ci sono storie di vita molto belle, molti riferimenti agli incontri che hanno avuto con Fidel, e un impegno enorme", ha sottolineato il Presidente.

Serbia, una visita molto positiva

In particolare sulla visita ufficiale in Serbia, dove la posizione verso Cuba del presidente Aleksandar Vucic e del suo gabinetto "è eccellente", Díaz-Canel ha commentato i soggiorni all'Avana di Vucic, nel 2017, e del suo predecessore, Tomislav Nikolic, nel 2015.

Elogiando la posizione del governo serbo e del suo popolo nei confronti delle Grandi Antille, il capo di Stato cubano ha sottolineato che "questo è un Paese con cui possiamo fare cose che non avevamo previsto", come l'acquisto di grano, mais e altri alimenti, oltre a generare relazioni economico-commerciali nei settori del turismo, della biotecnologia, della salute, dell'agricoltura e dello scambio scientifico-tecnico.

Anche questa è stata "una visita molto positiva e siamo stati con le figure principali della Serbia, il Presidente in particolare e anche il Presidente dell'Assemblea nazionale", ha riassunto.

Vertice in Francia: un evento "complicato"

In merito al Vertice per un Nuovo Patto Finanziario Globale, tenutosi giovedì e venerdì scorsi a Parigi, su invito del presidente Emmanuel Macron, a cui Cuba ha partecipato nell'esercizio della presidenza pro tempore del G77 più la Cina, Díaz-Canel ha sottolineato che si è trattato di "un evento complicato".

Parlare a nome del G77 più la Cina ha permesso di esprimere una posizione diversa in questo incontro, ha riflettuto il dignitario, che si è congratulato con i diplomatici cubani per il duro lavoro svolto in questo vertice.

Il discorso di Cuba, a nome del G77 più la Cina, ha rappresentato un punto di svolta rispetto a quelli pronunciati fino a quel momento. Successivamente, i presidenti del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva e del Sudafrica Cyril Ramaphosa si sono espressi sulla stessa linea. Anche l'intervento del Presidente del Kenya, William Ruto, è stato molto buono.

Questi discorsi sono stati più di sinistra, ha analizzato Díaz-Canel, per il quale quelli pronunciati dall'élite bancaria e finanziaria mondiale - "che era seduta lì accanto ai Paesi poveri" - finiscono in promesse. "Si sa che sì, i fondi devono essere trovati, che questi vertici devono essere tenuti, ma… Chi metterà i soldi, i ricchi?

Abbiamo già un'esperienza in questo senso, ha argomentato il Presidente, e ha citato come esempio i vertici sul cambiamento climatico, che in più di dieci anni non sono riusciti a ottenere i finanziamenti promessi. "Erano più di 100 miliardi di dollari all'anno. Di questi, quanto è stato dato, a chi è arrivato ciò che è stato dato?".

"Per questo la denuncia, la messa in evidenza del fatto che l'ordine economico internazionale è ingiusto, anacronistico, escludente, antidemocratico, è condivisa dal Terzo Mondo. Tutto questo è ciò che deve essere cambiato. Ora, come lo cambieremo, cosa faremo per cambiarlo", ha riflettuto il leader cubano.

Il Presidente Macron, ha sottolineato, si sta ponendo le stesse domande e qual è l'approccio che gli danno, "che non possiamo farlo eliminando tutto ciò che già esiste"; in altre parole, che non si può fare eliminando il FMI, che non si può fare eliminando la Banca Mondiale, che non si può fare eliminando le istituzioni finanziarie?

"Ed è chiaro che non si può fare, perché finché ci sarà il capitalismo non ci sarà la possibilità per i Paesi del Terzo Mondo di risolvere questo problema", ha denunciato il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista.

Ora, ha aggiunto, "comincia a comparire un gruppo di questioni che vengono affrontate nel Primo Mondo e che vengono proposte come ricette al Terzo Mondo; direi che si tratta di cose necessarie, ma ciò che conta è come possiamo applicarle".

Ha descritto "la transizione digitale, la transizione energetica, l'idrogeno verde… tutto questo è molto buono, ed è molto importante. Tutto ciò va bene, e si tratta di molta tecnologia, ma come possono farlo i Paesi del Terzo Mondo se devono pagare un milione di dollari per acquistare un megawatt di pannelli fotovoltaici?

"Questi canti di sirena a volte motivano un gruppo di Paesi, ma poi ci sono delusioni rispetto ai risultati che si possono ottenere".

Tornando all'agenda della delegazione cubana in quattro Stati europei nella settimana appena conclusa, Díaz-Canel ha parlato con affetto della sua visita alla sede dell'Unesco, dove è stato ricevuto dalla direttrice generale, Audrey Azoulay. "È un'organizzazione delle Nazioni Unite con la quale abbiamo un rapporto magnifico e che riconosce il ruolo di Cuba", ha detto.

Durante i giorni di permanenza a Parigi, Díaz-Canel ha incontrato anche António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite, che ha descritto come un incontro piacevole. Ha avuto anche un incontro molto importante con il Presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, del quale ha scritto sul suo account Twitter che hanno avuto uno scambio sulle possibilità di aumentare la cooperazione in aree di interesse comune.

Infine, il Presidente ha commentato ai diplomatici cubani gli incontri avuti con i rappresentanti del settore imprenditoriale francese presenti a Cuba, con l'ex Presidente Francois Hollande e con altri politici.

Si è così concluso un intenso tour in diversi Paesi europei in cui la Grande Antille ha approfondito i legami bilaterali e ne ha consolidati altri; un tour in cui, ancora una volta, è stato possibile constatare quanta ammirazione e quanto sostegno riceva l'isola nel mondo.


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.