www.resistenze.org - osservatorio - mondo - politica e societÓ - 18-09-23 - n. 875

Nella dichiarazione finale, il G77 respinge i monopoli digitali e chiede una riforma del sistema finanziario

Gabriel Vera Lopes | peoplesdispatch.org
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

16/09/2023

Il vertice dell'Avana si conclude con un documento che sottolinea anche il ruolo della tecnologia per lo sviluppo


Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel, ospite e presidente del gruppo G77+, parla al vertice. Foto: Presidencia Cuba

Nella dichiarazione finale, il Vertice G77+Cina ha sottolineato l'importanza della tecnologia per lo sviluppo, l'impatto del cambiamento climatico e ha chiesto una riforma del sistema economico internazionale. L'evento si è concluso sabato 16 settembre a L'Avana, la capitale di Cuba, e ha visto la partecipazione di capi di Stato dell'America Latina, dell'Africa e dell'Asia, tra cui il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, il presidente venezuelano Nicolás Maduro, il presidente colombiano Gustavo Petro, nonché il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, oltre a diplomatici e delegazioni di oltre 100 Paesi.

Il vertice è il più grande evento dei Paesi del Sud nell'ambito delle Nazioni Unite (ONU)

"Sottolineiamo l'urgente necessità di una riforma globale dell'architettura finanziaria internazionale e di un approccio più inclusivo e coordinato nella governance finanziaria globale, con una maggiore enfasi sulla cooperazione tra Paesi, in particolare accrescendo la rappresentanza dei Paesi in via di sviluppo negli organismi decisionali e politici mondiali, contribuendo ad aumentare la capacità di questi ultimi di accedere e sviluppare la scienza, la tecnologia e l'innovazione", si legge nella Dichiarazione dell'Avana.

La dichiarazione finale del vertice critica anche i "monopoli digitali" e "altre pratiche sleali che ostacolano lo sviluppo tecnologico dei Paesi in via di sviluppo".

Il testo attacca anche le "sanzioni" e le "azioni economiche coercitive" contro i Paesi in via di sviluppo. "Sottolineiamo che tali azioni non solo minano i principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale, ma ostacolano anche seriamente il progresso della scienza, della tecnologia e dell'innovazione e la piena realizzazione dello sviluppo economico e sociale, in particolare nei Paesi in via di sviluppo".

Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha sottolineato all'apertura del vertice, venerdì 16 settembre, che uno degli obiettivi dell'evento è quello di cercare posizioni comuni in modo che i Paesi del Sud globale possano portare le loro richieste in altri forum internazionali. Lo stesso giorno, il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha sottolineato che "i sistemi e le strutture globali hanno fallito" nei confronti dei Paesi del Sud.

Sabato 16 settembre il Presidente Lula ha criticato le sanzioni imposte dagli Stati Uniti contro Cuba e ha difeso la ridefinizione del sistema di governance globale: "È particolarmente significativo che, in questo momento di grandi trasformazioni geopolitiche, questo vertice si tenga qui all'Avana. Cuba è stata una sostenitrice di una governance globale più equa ed è persino vittima di un embargo economico illegale. Il Brasile è contrario a qualsiasi misura coercitiva unilaterale. Rifiutiamo l'inclusione di Cuba nella lista degli Stati che sostengono il terrorismo", ha dichiarato il capo di Stato brasiliano.

Il Sud non può più sopportare il peso di tutte le disgrazie

Il vertice dei capi di Stato e di governo del Gruppo dei 77 (G77) e della Cina è iniziato venerdì 15 settembre. La cerimonia di apertura è stata preceduta da un estratto del discorso di Fidel Castro al "primo Vertice del Sud", tenutosi nel 2000, sempre a Cuba. I discorsi di apertura sono stati poi tenuti dal Presidente cubano Miguel Díaz-Canel e dal Segretario generale delle Nazioni Unite (ONU) António Guterres.

All'inizio del suo discorso inaugurale, il presidente cubano ha sottolineato l'importanza del gruppo, che attualmente conta 134 membri: "Oggi siamo i due terzi dei membri dell'ONU e ospitiamo l'80% della popolazione mondiale", ha affermato.

Díaz-Canel ha anche reso omaggio all'ex presidente venezuelano Hugo Chávez, ricordando che era solito dire che "noi presidenti andiamo di vertice in vertice, mentre i popoli vanno di abisso in abisso". Ha invitato a compiere sforzi congiunti per coordinare azioni comuni tra i Paesi del Sud, al fine di "cambiare le regole del gioco" e realizzare l'attesa "democratizzazione del sistema di relazioni internazionali".

"Sono i popoli del Sud a soffrire di più per la povertà, la fame, la miseria, la morte per malattie curabili, l'analfabetismo, le migrazioni e altre conseguenze del sottosviluppo", ha dichiarato Díaz-Canel. Ha descritto l'ordine economico internazionale come "ingiusto ed ecologicamente insostenibile".

Ha inoltre affermato che "questo sarà un vertice austero", poiché a Cuba "mancano molte cose, ma nutriamo sentimenti di amicizia, solidarietà e fraternità in abbondanza". Ha denunciato il fatto che "Cuba è letteralmente assediata da un blocco che dura da sei decenni e da tutte le difficoltà che derivano da questo assedio, che ora è stato rafforzato". Ha sottolineato che Cuba "non è l'unica a soffrire di questo ingiusto ordine mondiale".
Descrivendo la situazione mondiale, il presidente cubano ha detto che "stiamo viaggiando sulla stessa nave, anche se alcuni sono i passeggeri e altri i servi. L'unico modo perché questa nave non finisca come il 'Titanic' è la collaborazione".

Díaz-Canel ha messo in discussione il sistema dei brevetti internazionali e ha pronunciato una denuncia speciale sulle spese militari internazionali e sull'irrazionalità del fatto che queste risorse non possono essere utilizzate per migliorare le condizioni di vita della maggioranza.
"Le stime indicano che il 9% della spesa militare mondiale potrebbe finanziare l'adattamento al cambiamento climatico in 10 anni, e il 7% sarebbe sufficiente a coprire il costo della vaccinazione universale contro la pandemia".

Nel discorso di apertura, il Segretario generale delle Nazioni Unite Guterres ha esordito affermando che i Paesi del Sud sono "intrappolati in una rete di crisi globali".
"La povertà aumenta e la fame cresce. I prezzi aumentano, il debito è esorbitante e i disastri climatici sono sempre più frequenti", ha affermato Guterres. "I sistemi e le strutture globali hanno deluso", aggiungendo che "la conclusione è chiara: il mondo sta deludendo i Paesi in via di sviluppo".

Il Segretario generale dell'ONU ha osservato che negli ultimi decenni i Paesi del G77 e la Cina "hanno sottratto centinaia di milioni di persone alla povertà e si sono riuniti nelle Nazioni Unite alla ricerca di soluzioni globali e di solidarietà".

"Per cambiare questa situazione, abbiamo bisogno di un'azione a livello nazionale per garantire una buona governance, mobilitare le risorse e dare priorità allo sviluppo sostenibile. E abbiamo bisogno di un'azione a livello globale che rispetti la sovranità nazionale, con l'obiettivo di costruire un sistema internazionale che difenda i diritti umani e si occupi dell'interesse comune", ha affermato.

In questo senso, Guterres ha riconosciuto che "molte istituzioni globali attuali riflettono un'epoca passata". Ha sottolineato la necessità di aggiornare il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Banca Mondiale.

Importanza del Vertice

Il vertice si svolge pochi giorni dall'apertura della 78a Assemblea generale delle Nazioni Unite, che si terrà a New York martedì 19 settembre. Si spera che i Paesi riuniti all'Avana riescano a concordare posizioni comuni da difendere all'Assemblea.

Sebbene l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite non abbia un carattere vincolante che obbliga i Paesi membri ad adottare le sue dichiarazioni, diversi esperti sottolineano l'importanza che i 134 Paesi che attualmente compongono il G77 + la Cina coordinino posizioni comuni come strumento di pressione sui Paesi più potenti.

Claudia Marin, del Centro di ricerca di politica internazionale di Cuba, ha osservato che "molti dei Paesi che compongono il G77 + Cina hanno acquisito un enorme peso internazionale negli ultimi due decenni, come nel caso di quelli che compongono i BRICS, e questo significa che i Paesi del Sud globale nel loro insieme hanno un peso maggiore nelle loro richieste".

Tuttavia, Marin ha sottolineato in un'intervista a Brasil de Fato che "sarà possibile costruire un sistema internazionale più equo solo se il peso di questi Paesi emergenti potrà essere articolato con il numero di Paesi del Sud globale attraverso un maggior grado di collaborazione Sud-Sud".

Vittoria diplomatica contro il blocco

Il vertice dei capi di Stato e di governo del G77 si tiene a Cuba pochi giorni dopo che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha prorogato per un altro anno la legge che regola il blocco contro Cuba. Un rituale che sia i democratici che i repubblicani ripetono anno dopo anno da oltre sessant'anni. Cuba è attualmente l'unico Stato soggetto a restrizioni commerciali statunitensi ai sensi della legge sul commercio con il nemico, anche se non è l'unico a subire sanzioni unilaterali da parte di Washington.

Ogni anno, dal 1992, Cuba ha presentato all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite un progetto di risoluzione sulla necessità di sospendere il blocco statunitense. Da allora, la maggioranza degli Stati membri ha sempre votato a favore del documento. Quest'anno si prevede che la votazione si ripeta.

Secondo diversi esperti, il fatto che delegazioni da tutto il mondo siano arrivate all'Avana per partecipare al vertice dimostra l'enorme capacità diplomatica che Cuba è riuscita a costruire.


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.