www.resistenze.org - pensiero resistente - gioventý comunista - 20-06-22 - n. 834

Aleksandr e Mikhail Kononovich sono vivi!

Zeitung der Arbeit | zeitungderarbeit.at
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

20/06/2022


L'avvocato dei due giovani comunisti ha diffuso domenica una foto con i militanti Aleksandr e Mikhail Kononovich in manette. Rimangono in custodia ma sono in vita.

Kiev. Per una volta, dalla capitale ucraina arrivano buone notizie. Sebbene siano ancora detenuti e sottoposti a condizioni disumane, i due fratelli Kononovich sono ancora vivi. Dopo oltre cento giorni di detenzione e dopo un lungo periodo in cui non si avevano notizie sulla loro sorte e sulle loro condizioni di vita, l'organizzazione giovanile britannica Young Communist League (YCL) ha pubblicato una foto di loro e del loro avvocato.

Il testo dell'annuncio recita:

"I fratelli Kononovich sono vivi! Nella foto sono ritratti con il loro avvocato dopo mesi di detenzione con false accuse di spionaggio. Sono cittadini ucraini imprigionati dal governo ucraino solo per il "crimine" di essere comunisti.

Noi chiediamo:

1) Il loro rilascio immediato e sicuro
2) Le pubbliche scuse a loro e alle loro famiglie
3) La fine della repressione politica dei comunnisti in Ucraina.

Molti hanno sperato in un segno di vita da parte dei due fratelli ingiustamente imprigionati e torturati dopo cento giorni in una prigione ucraina. Le organizzazioni giovanili di tutto il mondo, tra cui il Fronte della Gioventù in Austria, hanno dedicato azioni di solidarietà ai fratelli Kononovich in diverse occasioni per attirare l'attenzione sulla loro ingiusta e brutale detenzione. Al Parlamento europeo, il gruppo parlamentare del Partito Comunista di Grecia (KKE) ha condannato l'arresto dei due membri della Lega della Gioventù Comunista Leninista e ha invitato la Commissione europea a presentare la propria posizione sulla questione delle persecuzioni anticomuniste in Ucraina. Il media comunista In Defence of Communism ha lanciato una petizione per chiedere il rilascio dei due giovani comunisti.

La foto è infatti solo un segno di vita. Entrambi i fratelli sono tuttora detenuti e sottoposti a restrizione in Ucraina.

Fonte: YCL


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.