www.resistenze.org - popoli resistenti - brasile - 07-01-19 - n. 696

Bolsonaro e il fascismo

Atilio A. Boron | pagina12.com.ar    
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

02/01/19

È diventato un luogo comune caratterizzare il nuovo governo di Jair Bolsonaro come "fascista". Questo, a mio avviso, costituisce un grave errore. Il fascismo non deriva dalle caratteristiche di un leader politico, per quanto nei test della personalitÓ - o negli atteggiamenti della sua vita quotidiana, come nel caso di Bolsonaro - vi sia una schiacciante predominanza di atteggiamenti reazionari, fanatici, sessisti, xenofobo e razzista. Questo è ciò che i sociologi e gli psicologi sociali americani hanno misurato dopo la Seconda Guerra Mondiale con la famosa "scala F", in cui l'effe si riferiva al fascismo.

A quel tempo e alcuni ancora nutrono questa convinzione, si pensava che il fascismo fosse la cristallizzazione a livello dello stato e della vita politica di personalità squilibrate, portatrici di gravi psicopatologie, che per ragioni circostanziali erano salite al potere. L'obiettivo politico di questa operazione era evidente: per il pensiero convenzionale e le Scienze Sociali del tempo la catastrofe del fascismo e del nazismo doveva essere attribuita al ruolo di alcuni individui: la paranoia di Hitler o le manie di grandezza di Mussolini. Il sistema, cioè il capitalismo e le sue contraddizioni, era innocente e non aveva alcuna responsabilità per l'olocausto della Seconda Guerra Mondiale.

Questa visione viene scartata da coloro che insistono che la presenza di movimenti o anche di partiti politici di chiara ispirazione fascista colpirà inevitabilmente il governo di Bolsonaro. Un altro errore: non sono loro quelli che definiscono la natura profonda di una forma di stato come il fascismo. Nel primo peronismo degli anni quaranta, così come nel varguismo Brasiliano, diverse organizzazioni e figure fasciste brulicavano negli ambienti vicini al potere. Ma né il peronismo, né il varguismo costruirono uno Stato fascista.

Il peronismo classico era, usando la concettualizzazione gramsciana, un caso di "cesarismo progressivo" che solo osservatori con forti pregiudizi potevano caratterizzare come fascisti a causa della presenza in esso di gruppi e persone di quell'ideologia. Erano fascisti, ma il governo di Perón no. Venendo alla nostra epoca: Donald Trump è un fascista, parlando della sua personalità, ma il governo degli Stati Uniti non lo è.

Dal punto di vista del materialismo storico il fascismo non è definito da personalità o gruppi. Si tratta di una forma eccezionale dello Stato capitalista, con caratteristiche assolutamente uniche e irripetibili. Scoppiò quando il suo modello ideale di dominio, la democrazia borghese, affrontò una crisi gravissima nel periodo tra la prima e la Seconda Guerra Mondiale. Per questo diciamo che si tratta di una "categoria storica" e che non può più essere riprodotta perché le condizioni che ne hanno reso possibile l'emergere sono scomparse per sempre.

Quali furono le condizioni molto speciali che definirono quello che potremmo chiamare "l'epoca del fascismo", attualmente assenti? In primo luogo il fascismo fu la formula politica con la quale un blocco dominante egemonizzato dalla borghesia nazionale risolse in modo reazionario e dispotico una crisi di egemonia causata dalla mobilitazione insurrezionale senza precedenti delle classi subalterne e dall'approfondimento del dissenso all'interno del blocco dominante alla fine della Prima Guerra Mondiale.

Oltre tutto queste borghesie in Germania e in Italia lottarono per raggiungere un posto nella divisione del mondo coloniale e resistere alle potenze dominanti nell'arena internazionale, principalmente il Regno Unito e la Francia. Il risultato: la Seconda Guerra Mondiale. Oggi, nell'epoca della transnazionalizzazione e finanziarizzazione del capitale e il predominio delle mega-corporazioni che operano su scala planetaria, la borghesia nazionale si trova nel cimitero delle vecchie classi dirigenti.

Il suo posto è ora occupato da una borghesia imperialista e multinazionale che ha subordinato, fagocitando, i suoi omologhi nazionali (compresi quelli dei paesi del capitalismo sviluppato) e agisce sul consiglio mondiale con un'unità di comando che si riunisce periodicamente a Davos per elaborare strategie globali di accumulazione e di dominio politico. E senza una borghesia nazionale non c'è un regime fascista, per l'assenza del suo protagonista principale

Secondo, i regimi fascisti erano radicalmente statalisti. Non solo non credevano nelle politiche liberali, ma erano apertamente antagonisti nei loro confronti. La loro politica economica era interventista, ampliava la gamma delle società pubbliche, proteggendo quelle del settore privato nazionale e stabilendo un forte protezionismo nel commercio estero. Inoltre, la riorganizzazione dell'apparato statale necessaria per affrontare le minacce di insurrezione popolare e la discordia contro "quelli dei piani alti", collocò la polizia politica, i servizi segreti e gli uffici di propaganda in un posto di rilievo nello stato. E' impossibile per Bolsonaro tentare qualcosa di simile data l'attuale struttura e complessità dello Stato brasiliano, soprattutto quando la sua politica economica sarà nelle mani di un ragazzo di Chicago che ha proclamato ai Quattro Venti la sua intenzione di liberalizzare la vita economica.

In terzo luogo, i fascismi europei erano regimi di organizzazione di massa e di mobilitazione, soprattutto delle classi medie. Mentre perseguivano e distruggevano le organizzazioni sindacali del proletariato, essi incorniciavano vasti movimenti delle classi medie minacciate e nel caso italiano, portavano questi sforzi nella sfera operaia dando luogo ad un sindacalismo verticale subordinato ai mandati del governo. In altre parole, la vita sociale fu " corporatizzata "e resa obbediente agli ordini che venivano emanati "dall'alto". Bolsonaro, in cambio, accentuerà la depoliticizzazione - infelicemente avviata quando il governo di Lula cadde nella trappola tecnocratica credendo che il "rumore" della politica spaventasse i mercati - e approfondirà disintegrazione e atomizzazione della società brasiliana, privatizzazione della vita pubblica, il ritorno di donne e uomini nelle loro case, le loro chiese e il loro lavoro per adempiere ai loro ruoli tradizionali. Tutto questo è situato agli antipodi del fascismo.

Quarto, i fascismi erano stati irrimediabilmente nazionalistici. Si sforzavano di ridefinire a loro favore la "distribuzione del mondo" che li confrontava commercialmente e militarmente con i poteri dominanti. Il nazionalismo di Bolsonaro, d'altra parte, è retorica inconsistente, pura verbosità senza conseguenze pratiche. Il suo "progetto nazionale"è quello di trasformare il Brasile nel lacchè preferito da Washington in America Latina e nei Caraibi, allontanando la Colombia dal ruolo disonorevole di "Israele sudamericano". Lungi dall'essere una riaffermazione dell'interesse nazionale brasiliano, il bolsonarismo è il nome del tentativo, speriamo infruttuoso, di totale sottomissione e ricolonizzazione del Brasile sotto l'egida degli Stati Uniti.

Ma, detto questo, significa forse che il regime di Bolsonaro si asterrà dall'applicare le brutali politiche repressive che hanno caratterizzato i fascismi europei? Assolutamente no! Abbiamo detto in precedenza, rispetto alle dittature genocide "civili-militari": questi regimi possono essere -salvando il caso della Shoah eseguito da Hitler- ancora più odiosi del fascismo europeo. I trentamila prigionieri scomparsi in Argentina e la generalizzazione di forme esecrabili di tortura e di esecuzione di prigionieri, illustrano la perversa malvagità che questi regimi possono acquisire; il tasso fenomenale di detenuti per centomila abitanti che ha caratterizzato la dittatura uruguaiana, non ha eguali in tutto il mondo; Gramsci sopravvisse undici anni nelle segrete del fascismo italiano e in Argentina sarebbe stato gettato in mare come altri molti giorni dopo il suo arresto.

Per questo motivo la riluttanza a descrivere il governo di Bolsonaro come fascista non ha intenzione di addolcire l'immagine di un personaggio emerso dalle fogne della politica brasiliana; o di un governo che sarà fonte di enormi sofferenze per il popolo brasiliano e per tutta l'America Latina. Sarà un regime simile alle più sanguinose dittature militari conosciute in passato, ma non sarà fascista. Perseguiterà, imprigionerà e ucciderà senza pietà coloro che resistono ai suoi abusi.

Le libertà saranno ridotte e la cultura sarà sottoposta a persecuzioni senza precedenti per sradicare la "ideologia di genere" e qualsiasi variante del pensiero critico. Ogni persona o organizzazione che si opporrà a lui sarà il bersaglio del suo odio e della sua furia. I Senza Terra, i Senza Tetto, i movimenti delle donne, LGBT, i sindacati dei lavoratori, i movimenti studenteschi, le organizzazioni delle favelas, tutto sarà oggetto della sua furia repressiva.

Ma Bolsonaro non li ha tutti dalla sua parte e incontrerà molte resistenze, anche se inorganiche e disorganizzate all'inizio. Ma le contraddizioni sono molte e gravi: la classe imprenditoriale - o la "borghesia autoctona", che non è nazionale, come il Che diceva - si opporrà all'apertura economica perché sarebbe fatta a pezzi dalla concorrenza cinese; i militari attivi non vogliono nemmeno sentir parlare di una incursione nelle terre venezuelane per offrire il proprio sangue ad un'invasione decisa da Donald Trump, basata sugli interessi nazionali degli Stati Uniti; e le forze popolari, anche nella loro attuale dispersione, non si lasceranno facilmente soggiogare.

Inoltre iniziano ad apparire gravi accuse di corruzione contro questo falso "outsider" della politica che è stato per ventotto anni deputato al Congresso Brasiliano, testimone o partecipante di tutti i compromessi che sono stati escogitati in quegli anni. Pertanto, sarebbe bene ricordare ciò che è accaduto ad un altro Torquemada brasiliano: Fernando Collor de Melo, che come Bolsonaro, arrivato negli anni novanta con il fervore di un crociato per il restauro morale, finì i suoi giorni da presidente con un passaggio fugace dal Palazzo del Planalto.

Presto saremo in grado di sapere quale futuro attende il nuovo governo, ma le previsioni non sono molto favorevoli e instabilità e turbolenze saranno all'ordine del giorno in Brasile. Dobbiamo essere preparati, perché le dinamiche politiche possono prendere una velocità fulminea e il campo popolare deve essere in grado di reagire in tempo. Ecco perché lo scopo di questa riflessione non era quello di intrattenersi in una distinzione accademica intorno alle varie forme di dominazione dispotica nel capitalismo, ma di contribuire ad una precisa caratterizzazione del nemico, senza la quale non può mai essere combattuto con successo. Ed è molto importante sconfiggerlo prima che faccia troppi danni.


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.