www.resistenze.org - popoli resistenti - perý - 14-02-23 - n. 856

Perù: il carattere antimperialista della lotta popolare

Andrés Figueroa Cornejo | resumenlatinoamericano.org
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

12/02/2023



Come annunciato, il 9 febbraio, la Confederazione Generale dei Lavoratori del Perù, CGTP, il principale multi-sindacato del settore privato e pubblico del Paese, il Sindacato Unitario dei Lavoratori dell'Educazione, Sutep, la Federazione dei Lavoratori dell'Edilizia Civile, e le comunità e i gruppi sociali di Lima e di gran parte del Paese, hanno iniziato lo sciopero a tempo indeterminato, perché, tra le altre ragioni, la dittatura civile-militare e imprenditoriale di Boluarte persiste nel criminalizzare il diritto di protesta e nel perseguitare i leader sociali che dissentono dal regime, facendo un uso illegale dei servizi segreti statali.

Il movimento popolare e democratico ha chiesto le immediate dimissioni di Dina Boluarte, l'istituzione di un governo di transizione, le elezioni generali nel 2023, la convocazione di un'assemblea costituente, la fine della repressione criminale, il processo e la punizione dei responsabili politici e materiali delle circa 80 persone uccise durante le manifestazioni antidittatoriali.

Migliaia di manifestanti hanno bloccato le strade di Cajamarca, San Martín, Madre de Dios, Apurímac, Cusco, Puno, Arequipa, tra le altre località, di fronte al dispiegamento di numerosi contingenti di agenti della polizia e delle forze armate. Da giorni, infatti, l'intero Paese è stato dichiarato in stato di emergenza, che in senso stretto significa l'imposizione di drastiche limitazioni ai diritti civili della popolazione attraverso la coercizione militare e giudiziaria.

A Lima sono arrivate anche delegazioni da tutte le regioni del Paese andino, con l'idea di dare una dimostrazione di forza nel cuore del Perù e di denunciare alla stampa e alle organizzazioni internazionali per i diritti umani la brutale repressione istituzionale del regime.

Da parte sua, il Congresso, in tre sessioni plenarie consecutive, non è riuscito a raggiungere un consenso sull'anticipazione delle elezioni generali al 2023. La maggioranza dei deputati appartiene all'estrema destra di Fujimori e anche i membri più progressisti del Congresso non sono riusciti ad agire in modo flessibile, intelligente e unito quando si è trattato di proporre una via d'uscita dalla crisi politica, sociale ed economica del Perù. In altre parole, mentre la grande maggioranza del Paese è in una mobilitazione permanente che dura da settimane e con obiettivi chiari, il Congresso sembra scollegato da questa realtà schiacciante nel mezzo di un'infruttuosa attività di lobbying.

I manifestanti sono lavoratori impoveriti e spontanei, giovani popolari, studenti e popolazioni indigene. I manifestanti hanno sottolineato che l'oligarchia di Lima, attraverso i suoi mass media, li stigmatizza in modo razzista e come se fossero legati al narcotraffico, alla criminalità organizzata o al "terrorismo", quando invece sono una popolazione risvegliata, disarmata e semplice che lotta per i propri diritti sociali e contro un regime che ha imposto loro senza pietà il trattamento di un nemico interno.

Allo stesso modo, e come aggravante della crisi, il giornalista e membro dell'Osservatorio per la chiusura della Scuola delle Americhe, Pablo Ruiz, ha sottolineato che esiste una storica ingerenza politica e militare degli Stati Uniti in Perù: "Nel 2021, con la risoluzione legislativa n. 31102, il Congresso ha autorizzato l'ingresso di truppe statunitensi nel territorio peruviano, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021. L'allegato alla risoluzione afferma che l'obiettivo è quello di ricevere "addestramento", a Lima, Callao, Ayacucho, Iquitos, tra le altre località, per il Comando congiunto di intelligence e operazioni speciali (CIOEC), la Forza speciale congiunta (FEC) e la Direzione antidroga (DIRANDRO) della Polizia nazionale peruviana", e aggiunge che, "Nello stesso anno, una delegazione di ufficiali peruviani ha visitato le strutture della Brigata Tattica dell'Esercito degli Stati Uniti presso la Base Militare Congiunta di San Antonio, nello Stato del Texas, e il Centro di Addestramento dell'Esercito degli Stati Uniti nello Stato della California, secondo le informazioni di Infodefensa".

Ruiz ha assicurato che "nel 2022, il Congresso ha approvato, nella risoluzione legislativa 2732, due esercitazioni congiunte statunitensi (JCET) con il personale delle Forze per le Operazioni Speciali della Marina peruviana, per i mesi di agosto e ottobre 2022, con una durata di 45 giorni per ciascuna esercitazione", e ha aggiunto che, "Negli ultimi anni, il Perù è stato anche tra i primi Paesi che continuano a ricevere formazione presso la successiva Scuola delle Americhe (SOA), ribattezzata nel 2001 Istituto dell'Emisfero Occidentale per la Cooperazione alla Sicurezza (WHINSEC). Tra il 1946 e il 2004, 4559 militari peruviani sono stati addestrati presso la SOA/WHINSEC. Nel 2019, 84 militari peruviani; nel 2020, 136; e nel 2021, altri 10 militari hanno ricevuto la formazione WHINSEC. I dati per il 2022 non sono ancora stati resi noti".

Dopo il colpo di Stato contro Pedro Castillo, le autorità dell'amministrazione Biden degli Stati Uniti hanno appoggiato incondizionatamente il regime di Boluarte attraverso l'ambasciatore statunitense in Perù ed ex membro della CIA e del Dipartimento della Difesa, Lisa Kenna; l'ambasciatore statunitense presso l'OSA, Francisco Mora, e il Segretario di Stato statunitense, Antony Blinken. Ciò significa che la lotta del popolo peruviano per la democrazia e la giustizia sociale assume immediatamente un carattere anticolonialista e antimperialista.

Solo un mese fa, 19 persone sono state massacrate con munizioni da guerra dei soldati a Juliaca, Puno. Secondo la stampa locale, durante la giornata del 9 febbraio la protesta nel centro di Lima è stata assediata da circa 7.000 agenti della polizia militare.


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.