www.resistenze.org - proletari resistenti - movimento operaio internazionale - 15-12-19 - n. 733

Dichiarazione di condanna della FSM sull'incidente mortale in Bangladesh

Federazione sindacale mondiale (FSM - WFTU) | wftucentral.org
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

12/12/2019

La Federazione sindacale mondiale condanna fermamente il nuovo omicidio di almeno 11 lavoratori nell'ennesimo incidente mortale in Bangladesh. Il nuovo "incidente" ha avuto luogo in una fabbrica di plastica a Hijoltola, nel Keraniganj, alla periferia della capitale. Un lavoratore è morto durante l'incendio e altri 10 all'ospedale a causa delle molteplici ustioni. Ci sono almeno altri 23 feriti.

Secondo uno degli operai feriti, l'incendio è scoppiato in una stanza in cui erano conservate otto bombole di gas infiammabile e ha parlato di una perdita negli impianti.

Il nuovo incidente mortale allunga una volta di più l'elenco infinito di sangue degli operai "sacrificati" dalla borghesia in Bangladesh per accrescere il suo profitto. Fino a quando gli operai saranno costretti a lavorare in fabbriche, impianti e strutture senza alcuna misura di protezione, la classe lavoratrice piangerà sempre nuovi disastri come "Rana Plaza".

Il movimento sindacale internazionale orientato alla classe e la FSM intensificano le loro lotte per:

- Misure di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro che proteggano la salute a breve e lungo termine dei lavoratori.
- Sufficienti e adeguate autorizzazioni in materia.
- Rafforzare le proteste internazionali contro la deresponsabilizzazione dei datori di lavoro e rafforzare la solidarietà internazionale.
- Indagini e punizioni dei responsabili degli infortuni sul lavoro e pieno risarcimento dei lavoratori o delle loro famiglie.

La Segretaria della FSM - WFTU

Atene, 12 dicembre 2019


Resistenze.org     
Sostieni Resistenze.org.
Fai una donazione al Centro di Cultura e Documentazione Popolare.

Support Resistenze.org.
Make a donation to Centro di Cultura e Documentazione Popolare.